Partire leggeri: il libro di Lean startup che tutti gli imprenditori dovrebbe leggere

Partire leggeri. Il metodo Lean Startup: innovazione senza sprechi per nuovi business di successo è la versione italiana del famoso libro The Lean Startup: How Today’s Entrepreneurs Use Continuous Innovation to Create Radically Successful Businesses di Eric Ries. In questo articolo troverai un brevissimo riassunto con i tre concetti chiave ed i motivi per cui ogni imprenditore, startupper o studente dovrebbe leggere questo volume.

Partire Leggeri di Eric Ries

Partire leggeri – I tre concetti base di Lean Startup

L’autore di partire leggeri, Eric Ries, descrive dettagliatamente in questo libro l’efficacia della metodologia lean startup passaggio dopo passaggio.
Il volume di 336 pagine si divide in 15 capitoli e si basa su tre pilastri fondamentali: Minimum Viable Product, Validated Learning e sul Pivot.

Partendo dal presupposto che una startup si trovi di norma in una situazione di incertezza con risorse limitate, ma processi decisionali veloci e flessibilità, il Minimum Viable Product rappresenta la versione base, la prima realizzazione di quella che era semplice idea.
Questa versione del prodotto/servizio non deve essere perfetta, ma funzionale. Infatti, in questa fase è fondamentale ricevere feedback e commenti dal maggior numero di utenti possibili per capirne i bisogni e la loro esperienza rispetto al prodotto.

L’autore di Partire leggeri introduce quindi il concetto di Validated Learning. Scientificamente significa che un team ha scoperto una verità riguardo delle presupposizioni presenti o future. In questo modo, lavorando step by step, un team può lavorare e concentrarsi su funzioni considerate importanti dagli utenti. Questa metodologia è molto più efficace del classico business plan ed aiuta a prendere decisioni con maggiore accuratezza, basandosi su certezze anziché previsioni e supposizioni.

Curioso? Leggi anche:   Growth Hackers: chi sono?

To pivot or to persevere? Cambiare direzione o continuare? Questa è la fatidica domanda che molti imprenditori e startupper devono affrontare più di una sola volta durante tutto il processo. Ci sono spesso molte questioni da affrontare, sono stati raggiunti i KPIs? C’è abbastanza traction? C’è il mercato e la domanda necessaria?
Ecco, prima di cambiare strategia è importante porsi le domande giuste e capire bene la direzione che si vuole intraprendere. Partire leggeri ci insegna che cambiare (pivotng) è un passo fondamentale nella strategia di una startup, ma la vision non deve (dovrebbe) cambiare mai.

Se hai già letto il libro scorri sotto 😉 

5 motivi per cui dovresti leggere Partire Leggeri di Eric Ries

Non devi leggerlo tutto d’un fiato. Concentrati piuttosto sulle varie fasi della tua startup e segui i passi proposti da Ries.
– È molto semplice e intuitivo. Non si tratta del volume scientifico che leggevi all’università.
– Ti aiuterà nel commettere meno errori possibili e risparmierai risorse importanti.
– Ti aiuterà a capire quali sono le potenzialità del tuo prodotto così come i punti deboli che dovresti lasciar perdere.
– Ti farà venir voglia di leggere molti altri libri su lean startup e growth hacking.

Ti ho convinto? Qui trovi il libro Partire leggeri di Eric Ries

Vuoi leggere altri libri di Lean Startup? Qui ho fatto una selezione dei 5 libri più interessanti!

Io ho letto il libro in inglese, ma credo che la versione italiana rispecchi fedelmente la versione originale. Di seguito trovi sia la versione italiana: Partire Leggeri, sia quella in inglese: The Lean Startup.

Curioso? Leggi anche:   Startup Marketing - Strategie di growth hacking per sviluppare il vostro business

Ti è piaciuto il libro? Lasciami i commenti qui sotto oppure suggeriscimi altri libri simili a Partire Leggeri!

Gianmaria Sbetta
Founder del sito growthhackingblog.it e sempre alla ricerca di nuove idee. Laureato in Innovazione e imprenditorialita’, mi occupo di marketing online presso l’incubatore tedesco STARTPLATZ a Colonia.
P.S: siate folli, siate pirati & growth hackers.

Scopri di più 😉